Viale dei Quattro Venti 180, 00152 Roma (RM)
+39 06 581 0535/+39 06 581 0535
info@repaestintori.it

Manutenzione degli Estintori – Quando e in che modo

Manutenzione degli Estintori – Quando e in che modo

La manutenzione degli estintori è una delle pratiche a cui più dobbiamo prestare attenzione nell’ottica della sicurezza sul lavoro. Questa è regolata dalla norma UNI 9994-1 che ne stabilisce modalità e tempistiche. La gestione degli estintori in azienda si compone di vari processi che sono a carico di aziende e tecnici specializzati e in parte a carico di personale interno.

manutenzione degli estintori
Manutenzione degli Estintori: Quando e in che modo

Quali sono le attività per la manutenzione degli estintori?

Le attività di manutenzione e corretta gestione degli estintori si raggruppano essenzialmente in:

  • Controllo iniziale
  • Sorveglianza
  • Controllo Periodico
  • Revisione Programmata
  • Collaudo
  • Manutenzione straordinaria

Le due figure che si occuperanno delle attività di manutenzione sono a) il Responsabile servizio prevenzione e protezione o RSPP e l’Azienda di manutenzione. L’RSPP è colui che deve predisporre le misure di sicurezza antincendio e supervisionare il rispetto delle stesse. L’azienda specializzata si occuperà di tutte le mansioni di controllo iniziale e periodico, collaudo e manutenzione.

Quando e come si effettuano i processi di manutenzione?

Il Controllo Iniziale o presa in carico è un controllo che deve essere eseguito a cura dell’azienda specializzata che subentra. Questa verifica che gli estintori siano a norma e manutenibili, che le marcature siano presenti e chiaramente leggibili, che le attività di manutenzione precedenti siano state registrate e che sia disponibile il libretto di manutenzione. Qualora i documenti non siano disponibili, la loro predisposizione e/o aggiornamento è a cura del datore di lavoro o dell’RSPP. In questo caso il manutentore deve comunicare alla persona responsabile le non conformità rilevate.

La procedure di sorveglianza sono effettuate dall’RSPP adeguatamente formato con cadenza consigliata mensile. L’esito delle attività deve essere registrato. L’RSPP deve verificare che:

  • l’estintore sia presente, integro, utilizzabile, libero da ostacoli e segnalato con apposito cartello ben visibile;
  • risulti sigillato il dispositivo di sicurezza dell’estintore per evitare accidentali utilizzi;
  • le etichette siano ben leggibili;
  • l’indicatore di pressione indichi un valore compreso all’interno del campo verde;
  • il cartellino di manutenzione sia presente e che non sia scaduta la data per le attività previste;
  • l’estintore portatile non sia collocato a pavimento.

Il controllo periodico semestrale, effettuato dalla ditta specializzata, serve a verificare l’efficienza dell’estintore, attraverso i seguenti accertamenti:

  • check delle procedure di sorveglianza;
  • accertamento della pressione interna per gli estintori pressurizzati;
  • accertamento dello stato di carica tramite pesatura per gli estintori a CO2;
  • controllo della presenza, del tipo e della carica delle bombole di gas ausiliario;
  • l’estintore non deve presentare tracce di corrosione, ugelli ostruiti, perdite, sconnessioni ecc. e che sia esente da danni alle strutture di supporto e alla maniglia di trasporto. Che sia inoltre esente da danni ed ammaccature al serbatoio;
  • l’estintore, se carrellato, abbia ruote funzionanti.

Le non conformità riscontrate devono essere corrette o eliminate altrimenti l’estintore sarà dichiarato fuori servizio. Terminate le operazioni la ditta specializzata è tenuta alla compilazione del rapporto di intervento e all’aggiornamento del cartellino di manutenzione.

La Revisione Programmata consiste in una serie di interventi tecnici, che devono essere effettuati dalla ditta specializzata, effettuata con frequenza diversa in relazione alla tipologia di estintore. Nel dettaglio:

  • esame interno dell’apparecchio
  • controllo funzionale di tutte le parti
  • controllo dei componenti; pescante, tubi flessibili, ugelli etc.
  • sostituzione dei dispositivi di sicurezza e dell’agente estinguente
  • sostituzione delle guarnizioni e della valvola erogatrice per gli estintori a biossido di carbonio
  • rimontaggio dell’estintore.

Terminate le operazioni il tecnico è tenuto alla compilazione del rapporto di intervento.

Il Collaudo viene eseguito dalla ditta specializzata e consiste in una misura di prevenzione atta a verificare la stabilità del serbatoio o della bombola dell’estintore. In occasione del collaudo dell’estintore la valvola di comando deve essere sostituita per garantire l’efficienza e la sicurezza dell’estintore. Gli estintori con serbatoio o bombola che non hanno superato il collaudo vanno messi fuori servizio.

Manutenzione degli Estintori: Quando e in che modo

Quali sono le periodicità della revisione e del collaudo degli estintori?

EstinguenteTipo di EstintoreRevisione MesiCollaudo Mesi
PolvereTutti36144
Biossido di CarbonioTutti60120
A Base d’AcquaSerbatoio in acciaio al carbonio
con agente estinguente premiscelato
2472
A Base d’AcquaSerbatoio in acciaio al carbonio
contenente solo acqua ed
eventuali additivi in cartuccia
4896
A Base d’AcquaSerbatoio in acciaio inox o lega
di alluminio
48144
Idrocarburi
Alogenati
Tutti72144
Tabella delle periodicità di Revisione e Collaudo degli Estintori

La Manutenzione Straordinaria (a carico dell’azienda specializzata) si attua ogni volta che le attività di manutenzione ordinaria non sono sufficienti a ripristinare le condizioni di efficienza dell’estintore.
La mancanza di ricambi adeguati e il protrarsi dell’intervento oltre il normale tempo del controllo stesso obbliga l’azienda specializzata a dichiarare il prodotto non funzionante e a sostituirlo.
In caso di utilizzo anche parziale dell’estintore va sostituito integralmente l’agente estinguente eseguendo i controlli previsti dalla revisione programmata.

Il Cartellino di Manutenzione

Deve essere apposto dall’azienda specializzata che effettua il servizio di manutenzione. Ogni estintore deve essere dotato del cartellino di manutenzione. Con la presa in carico o subentro, se già presente il cartellino del precedente manutentore deve essere rimosso e sostituito con quello della società incaricata attualmente.

  • Sul cartellino di manutenzione deve essere obbligatoriamente riportato:
  • numero di matricola dell’estintore;
  • ragione sociale e indirizzo completo dell’azienda incaricata della manutenzione;
  • tipo dell’estintore;
  • massa lorda dell’estintore;
  • carica effettiva;
  • tipo di fase effettuata;
  • data dell’intervento;
  • scadenza del prossimo controllo ove previsto da specifiche normative (ADR);
  • punzone identificativo del manutentore.
Manutenzione degli Estintori: Quando e Perché

Posso effettuare la manutenzione degli estintori per mio conto?

No, a carico del responsabile interno o RSPP è solo ed esclusivamente l’attività di sorveglianza. Tutte le altre attività di manutenzione degli estintori sono a stretto carico di aziende specializzate autorizzate ad attività di sicurezza, controllo estintori e antincendio.

Se cerchi una società specializzata con esperienza trentennale nelle tematiche di sicurezza e antincendio contattaci. I nostri tecnici sono al tuo servizio per sviluppare le migliori soluzioni per la sicurezza della tua azienda.

 

Call Now ButtonChiamaci Subito